08 set 2011

9 settembre 1951, Vicenza - Modena 2-0

9 settembre 1951
Giovani sostituti al posto dei titolari – Con una squadra di fortuna il Modena cede a Vicenza per 0–2

Vicenza, 9 Settembre.
Marcatori – Primo tempo: al 9° e al 14° Lerici del Vicenza.
VICENZA: Sartori; Caciagli, Formica; Gozzi, Compiani, Dal Pos, Renzulli, Lerici, Marchetto, Gratton, Onorato.
MODENA: Pozzolo; Bottecchi, Spezzani; Chiappin, Seghedoni, Gardona; Calveri, Gaggiotti, Ponzoni, Lodi, Gozzi.
Arbitro: Coppa di Como.

Presentatasi in campo mancante di sette aventiniani, e precisamente di Braglia, Diotallevi, De Giovanni, Sentimenti VI, Manenti, Brighenti I e Barbieri, la squadra del Modena ha posto in evidenza la grande volontà e l'ammirevole generosità dei giocatori messi in campo per comporre una formazione di fortuna.
Lodi è stato l'animatore e il coordinatore nei momenti più salienti della partita e nelle azioni di rilievo. Con lui va citato Seghedoni. Non meno preziosi sono apparsi il continuo Chiappin, il terzino Spezzani e il mediano Gardona.
Il portiere Pozzolo è apparso evidentemente emozionato e ha subito le due reti che hanno permesso al Vicenza di vincere l'incontro. Infatti, nel secondo tempo, il dominio territoriale del Modena non ha avuto pratico effetto per l'incertezza dimostrata da alcuni attaccanti.
La partita trova il suo inizio in una veloce puntata del Vicenza, che sa destreggiarsi fra Bottecchi e Spezzani: il tiro che ne deriva (Marchetto) trova tuttavia Pozzolo pronto a bloccare.
E qui, per qualche minuto, vediamo il Modena che cerca la via del successo, troppo presto essendo ancora la riscossa. Ma, al 9°, Lerici, certamente uno dei migliori uomini del Vicenza, sfugge al suo guardiano e con un tiro secco e pieno di effetto batte nettamente Pozzolo.
Cinque minuti soltanto trascorrono, e poi ancora Lerici bissa cogliendo per la seconda volta in fallo la difesa canarina; parte da metà campo, giuoca la difesa e con un altro tiro potente, assicura definitivamente il successo ai propri colori. Il resto della partita non ha storia anche se rimangono 76 minuti di gioco.
Infatti, il Vicenza con due reti di vantaggio non ha nulla da temere ed il Modena, pur prodigandosi, non può cogliere la rete della bandiera.

Nessun commento:

Posta un commento